UNIME, GIORNATA NEL RICORDO DI PEPPINO IMPASTATO E ALDO MORO

“Era una notte buia per lo Stato italiano, quella del 9 maggio ’78. La notte di Via Caetani e il corpo di Aldo Moro. L’alba dei funerali di uno Stato” (Modena City Ramblers – I cento passi)
Sono passati quasi 36 anni da quella terribile notte. Nel giro di poche ore, vennero ritrovati i cadaveri di due personaggi uccisi barbaramente. A Roma, in via Caetani, veniva ritrovato il corpo senza vita dell’ex presidente del consiglio Aldo Moro (Democrazia Cristiana), mentre a Cinisi, un paesino in provincia di Palermo, a perdere la vita era Peppino Impastato, giornalista e attivista, all’epoca candidato al consiglio comunale proprio di Cinisi.
Per celebrare il 36esimo anniversario delle due tristi morti, il collettivo universitario “Articolo 21” organizza l’evento “Il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato” che comprende la visione di due film: I Cento Passi e Buongiorno Notte, rispettivamente incentrati sulla vita di Peppino Impastato e sul rapimento di Aldo Moro. L’evento si svolgerà l’8 maggio presso l’aula 4 del dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Messina (Piazza Pugliatti). Il primo film verrà proiettato alle 9.30, mentre il secondo alle ore 14.
A seguire, alle 16:30, sempre nella stessa aula, avrà luogo un dibattito sulle problematiche sociali degli anni ’70 che vedrà come relatori il giornalista freelance Tonino Cafeo, dottore di ricerca in Storia Contemporanea Alberto De Luca, il giornalista del settimanale “Magma” Gianfranco Pensavalli ed il dottore in Diritto Civile e attivista del M5S Letterio Interdonato.
Per gli studenti che parteciperanno e si registreranno, è previsto l’accredito di 0.25 CFU. Gli studenti che sono sicuri della loro partecipazione, possono fin da adesso inviare conferma all’e-mail articolo21.giurisprudenza@outlook.it scrivendo NOME COGNOME e NUMERO DI MATRICOLA e domani dovranno soltanto autenticare la partecipazione al termine delle proiezioni. (SIMONE INTELISANO)

Partecipa alla discussione. Commenta l'articolo su Messinaora.it