LA CAMERA DI COMMERCIO SCOMMETTE SULL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA: 97.000,000 EURO PER LE IMPRESE

La Camera di commercio, tramite la sua Azienda speciale servizi alle imprese,  promuove l’innovazione tecnologica. Nell’ambito del progetto “Trasferimento dell’innovazione tecnologica e organizzativa Messina” – accordo di programma tra il Ministero dello sviluppo economico e Unioncamere 2012 – volto a favorire la cultura dell’innovazione e lo sviluppo del sistema economico locale, l’Ente camerale intende sostenere la competitività delle imprese messinesi favorendo iniziative di innovazione tecnologica, attraverso lo stanziamento di un fondo pari a 97.000,00 euro.

Possono accedere ai finanziamenti le imprese che abbiano sede legale e operativa nella provincia di Messina e che presentino i seguenti requisiti: rientrare nei limiti dimensionali di microimpresa, piccola o media impresa così come definita dal D.M. 18/4/2005; risultare regolarmente iscritte al Registro imprese della Camera di commercio di Messina, attive ed in regola con il pagamento del diritto annuale; non essere soggette o avere in corso procedure di amministrazione controllata, concordato preventivo, fallimento o liquidazione; essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali dei dipendenti e con le normative vigenti in materia fiscale, assicurativa e contributiva; aver rispettato le norme di sicurezza sul lavoro e gli accordi e contratti collettivi nazionali di lavoro, territoriali ed aziendali; non avere nella propria compagine sociale e/o nei propri organi di amministrazione alcun soggetto in carica presso gli organi della Camera di commercio di Messina, né alcun soggetto a qualsiasi titolo dipendente o collaboratore della Camera di commercio di Messina, anche nel rispetto delle disposizioni di cui alla Legge 190/2012; non essere controllate e/o partecipate da aziende pubbliche; non avere cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 del D.Lgs n. 159 del 06/09/2011.

L’iniziativa è destinata a finanziare le attività in forma di ditta individuale, società di persone, società di capitali e cooperative, che rientrino in tutti i settori economici, come meglio precisato nell’avviso pubblico, disponibile sui siti www.aziendaspecialemessina.it e www.me.camcom.it. Il contributo a fondo perduto, riconoscibile dall’Azienda speciale servizi alle imprese della Camera di commercio di Messina, ammonta ad un massimo di 5.000,00 euro, quale contributo pari al 50% delle spese ammesse, opportunamente dimostrate da documenti di spesa quietanzati, secondo le modalità previste dall’avviso pubblico.

Le imprese possono accedere al contributo compilando esclusivamente il modello allegato all’avviso pubblico. Alla domanda, firmata dal legale rappresentante dell’impresa, dovranno essere allegati obbligatoriamente: elenco dettagliato dei preventivi/fatture oggetto dell’investimento (allegato B); copia di un documento d’identità e codice fiscale validi del sottoscrittore.

La domanda di ammissione, debitamente compilata e firmata, corredata di tutti i documenti sopra richiesti, dovrà essere inviata, tassativamente in formato pdf (peso massimo complessivo degli allegati non superiore a 5MB), all’Azienda speciale servizi alle imprese della Camera di commercio di Messina, dalle ore 09.00 del 22/09/2014 ed entro e non oltre le ore 12.00 del 06/10/2014, esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo aziendaspeciale@me.legalmail.camcom.it indicando nell’oggetto del messaggio la dicitura “Domanda per la concessione di contributi alle imprese della provincia di Messina per favorire processi di innovazione tecnologica”.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti sui contenuti dell’avviso pubblico e le modalità di presentazione della domanda è possibile recarsi allo sportello Start Up Messina – istituito presso l’Azienda speciale servizi alle imprese della Camera di commercio il martedì e il giovedì dalle 09.30 alle 12.30, tel. 090/7772267 – oppure contattare l’ufficio: tel. 090/7772589 – email aziendaspeciale@me.camcom.it

Partecipa alla discussione. Commenta l'articolo su Messinaora.it