Concessione della Rada San Francesco: chiesto il rinvio a giudizio per Olga e Vincenzo Franza per turbativa d’asta

Rinvio a giudizio chiesto dalla Procura di Messina per Olga e Vincenzo Franza. L’ipotesi è quella di turbativa d’asta e va ricondotta alla gara relativa il trasporto nello Stretto risalente al 2013. In quell’occasione, -allorquando sul piatto c’era ancora la concessione della Rada San Francesco-, parteciparono a suddetta gara, vinta dal GF, altre due società: una realtà decisamente più piccola del reggino e la Salerno Container Terminal di cui è azionista proprio Caronte&Tourist.

E proprio questa partecipazione nella proprietà di una compagnia concorrente, ha portato la Procura a formulare l’ipotesi di reato nei riguardi dei vertici delle società, contrariamente a quanto invece concluso dall’ Antitrust per la medesima annata.

Interessati dalla richiesta della Procura Olga Mondello (in Franza), Vincenzo Franza, Antonio Repaci, e Vincenzo Gallozzi ed Enrico Gallozzi – vertici della Salerno Container Terminal -, i quali verranno adesso ascoltati dal GIP, lo stesso che qualche mese fa richiese l’interdizione dal partecipare a gare ad evidenza pubblica alle due compagnie per una durata di un anno. Decisione poi revocata nonostante le indagini preliminari fossero in corso. (foto edg)

Partecipa alla discussione. Commenta l'articolo su Messinaora.it