TVE: il dopoSaija. Indetto il concorso per il nuovo sovrintendente

  • Al teatro Vittorio Emanuele inizia il dopo Saija. E’ stato infatti indetto, da parte del Consiglio di Amministrazione, il nuovo concorso per selezionare la figura di sovrintendete. L’avviso, per coloro che sono interessati, può essere consultato sul sito internet dell’Ente teatro: www.teatrovittorioemanuele.it.

    I soggetti che vorranno candidarsi, così come si apprende dal bando, potranno utilizzare il modulo già presente online e a questo dovranno allegare una relazione di programma (massimo due cartelle), sul progetto di gestione del teatro.

    In attesa della verifica dei requisiti, da parte del Consiglio di Amministrazione, a cui spetta anche la scelta del sovraintendente, tutti i candidati verranno inseriti all’interno di una long list, che non prevede graduatoria. Le domande di partecipazione al bando, che dovranno pervenire entro e non oltre le ore 13.00 del 9 giugno, devono essere indirizzate al Presidente dell’Ente Autonomo Regionale Teatro di Messina, Via Garibaldi, s.n.c. C/o Teatro Vittorio Emanuele – 98122 Messina, e potranno essere inviate mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o con consegna bravi mani all’Uffico protocollo dell’Ente, oppure inviate tramite posta elettronica certificata all’indirizzo teatrodimessina@pec.enya.it.

    Sulla busta inoltre, deve essere riportata la dicitura “non aprire” – contiene manifestazione d’interesse per l’incarico di sovraintendente dell’Ente Autonomo Regionale Teatro di Messina. Oltre al modulo di partecipazione, all’intero del plico vi deve essere inserto anche curriculum del candidato e fotocopia del documento di riconoscimento. L’Ente teatrale si riserva di annullare il bando qualora, tra i soggetti candidati, non dovesse essere individuato il soggetto idoneo a ricoprire tale carica.

    I dati personali infine, forniti da singoli concorrenti, saranno trattati dall’Ente Autonomo Regionale Teatro di Messina, in conformità alle disposizioni normative vigenti.

Partecipa alla discussione. Commenta l'articolo su Messinaora.it