Marcia Francescana verso Assisi, esperienza da vivere

di Fra Giuseppe Maggiore – “ Al posto tuo” è la tematica della 39 marcia francescana dalla Sicilia ad Assisi, organizzata dai Frati Minori di Sicilia.

Un’esperienza aperta a tutti i giovani di età compresa fra i 18 e i 35 anni, che vogliono fare un cammino verso se stessi e verso Dio, sulle orme di Francesco d’Assisi cercando la propria strada confrontandosi nel silenzio con la Parola di Dio e nella fraternità per capire il proprio posto nella Chiesa e nel mondo.

La marcia verso Assisi che quest’anno inizia da Siracusa il 25 luglio è una forte esperienza di vita con un programma impegnativo spiritualmente e fisicamente per ognuno dei partecipanti: sono ben cinque le tappe siciliane da percorrere a piedi per un totale di 62 km circa, traversando Priolo, Melilli, Sortino, Villasmundo, Brucoli per poi con l’autobus arrivare alla Verna. Nel luogo dove San Francesco ha ricevuto le stimmate ci sarà una giornata di ritiro per prepararsi alla giornata del Perdono di Assisi voluta fortemente dal Santo Umbro. La meta è proprio la Porziuncola luogo amato dal Poverello.

Come prepararsi?

Aprendo il proprio cuore con un cammino interiore che liberi dalle sicurezze conquistate, per sentirsi straniero e pellegrino capace di abitare nella tenda preparata dal Signore.

Cominciando ad allenarsi per essere pronti ad affrontare il cammino quotidiano, con scarpe comode.

Dove dormire?

In alloggi di fortuna messi a disposizione da parrocchie, comuni conventi e scuole

Cosa portare?

Zaino, sacco a pelo, stuoino o materassino, tazza, piatto, posate, cappello, k-wai e ovviamente il minimo indispensabile affinché lo zaino non pesi tanto… senza dimenticare la gioia e la voglia di incontrare il Signore.

Il ritorno è previsto il 5 agosto a Messina da dove ognuno potrà organizzarsi personalmente per il rientro a casa.

Per informazioni e iscrizioni basta scrivere un email a marciafrancescana@gmail.com inserendo: nome, cognome, data di nascita, città di provenienza e numero di cellulare.

Partecipa alla discussione. Commenta l'articolo su Messinaora.it