PAPARDO – PIEMONTE, DISAVANZO DI 35 MILIONI. VULLO: “AVVIATA REVISIONE, POTREBBERO MANCARNE ALTRI 13”

Disavanzo di 35 milioni di euro per l’Azienda ospedaliera Papardo – Piemonte. Il dato è emerso lo scorso 11 settembre a Palermo, nei locali dell’assessorato regionale alla Salute, durante l’incontro per la negoziazione e assegnazione delle risorse finanziarie del Fondo sanitario regionale per il 2014.

“Questo risultato negativo – afferma in una nota il manager, Michele Vullo – è del tutto coerente con le risultanze contabili rilevate da questa amministrazione all’indomani del suo insediamento, avvenuto il primo luglio scorso”.

Secondo il direttore generale dell’azienda ospedaliera, infatti, “è emerso subito che i conti aziendali presentavano un notevole squilibrio al punto tale che si è ritenuto di dover conferire a una società di revisione, la Deloitte&Touch, l’incarico di procedere alla verifica del bilancio 2013 e di quello al 30 giugno 2014, per controllare l’esattezza delle rilevazioni contabili alle date suddette”

Questo, in sintesi, il bilancio negoziato con l’assessorato alla Salute: totali ricavi netti 135.951.000 euro; totali costi complessivi 171.309.000; disavanzo 35.358.000.

Vullo non esclude che, per effetto della verifica assegnata alla Deloitte&Touch, l’importo del disavanzo possa aumentare, “in quanto alcune poste contabili, quali la variazione delle rimanenze, l’accantonamento a fondi rischi e le sopravvenienze passive, potranno subire delle rettifiche per errata contabilizzazione nel periodo precedente per un importo stimato di circa 12-13 milioni rispetto al valore negoziato”.

Il manager conclude la sua analisi ricordando che fra le mission di questa amministrazione c’è il “considerevole lavoro volto al risanamento del bilancio i cui valori dovranno essere ricondotti ad equilibrio economico e finanziario”.

Partecipa alla discussione. Commenta l'articolo su Messinaora.it